Angola: celebrate le donne e la semplicità

Angola: celebrate le donne e la semplicità

È uno dei primissimi padiglioni che si incontrano entrando dall’Ingresso Ovest e le facciate in legno lavorato rendono il Padiglione dell’Angola particolarmente caldo ed invitante.

Potrà sembrare un controsenso ma la verità è che si tratta di un padiglione ricco di semplicità. Attraverso alcuni visori, gigantografie e percorsi ben congegnati tra informazioni scritte ed immagini, è possibile visitare i 3 piani venendo a contatto con i le principali fonti di sostentamento del paese: pesca, allevamento, agricoltura e apicoltura.

Molto spazio è stato concesso alle donne, al ruolo che ricoprono nella società angolana ed è di particolare effetto vedere le foto e la presentazione di tutte queste donne “importanti” dell’Angola che, grazie a petrolio e diamanti, è indubbiamente uno degli stati più ricchi del continente Africano ed infatti ha potuto permettersi un padiglione di tutto rispetto in termini di dimensioni ed allestimenti.

Il messaggio che ho ricevuto è stato abbastanza chiaro: disponiamo di una delle superfici arabili più importanti del pianeta… venite ad investire. Invito che sicuramente i cinesi non tarderanno a cogliere vista e considerata la loro fame per i terreni agricoli.

Interessanti le ricette esposte anche se, ad esser sincero, sono rimasto deluso dal menu del ristorante che propone una cucina molto rivisitata quando personalmente l’avrei preferita più autentica. Ma questo è un aspetto comune a molti padiglioni e sarà oggetti di apposite spietate critiche in un post ad hoc.

Vi lascio al video ufficiale e ad alcune mie fotografie.

alcune ricette di cucina angolana esposte nel padiglione

 

You might also like:

Post Comment